Bonus sociale idrico

Il bonus sociale idrico per la fornitura di acqua agli utenti domestici economicamente disagiati, ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13/10/2016 e della deliberazione ARERA n. 897/2017/R/IDR, modificata ed integrata dalle deliberazioni n. 227/2018/R/IDR e n. 165/2019/R/COM, è una agevolazione, a decorrere dall’anno 2018, che garantisce una riduzione della spesa per i consumi idrici alle famiglie in condizioni di disagio economico e alle famiglie numerose. Il bonus consiste in uno sconto in bolletta pari al costo di 18,25 mc annui (equivalenti a 50 litri al giorno) per ciascun componente il nucleo familiare.
Hanno diritto ad ottenere il bonus acqua gli utenti diretti ed indiretti del servizio di acquedotto in condizioni di disagio economico sociale, cioè che sono parte di nuclei familiari:
con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico.
Con l’introduzione del Reddito di Cittadinanza (RdC), ai sensi dell’art. 1 e seguenti del decreto-legge 28/1/2019, n. 4, convertito dalla legge 28/3/2019, n. 26, sono state introdotte alcune novità anche a livello delle agevolazioni per le famiglie economicamente svantaggiate, ai sensi dell’art. 5, comma 7, del citato decreto-legge n. 4/2019, come disciplinato dalla deliberazione ARERA n. 165/2019/R/COM.
Pertanto, ai beneficiari del RdC che facciano domanda, solo a partire dal 20/5/2019, è esteso il bonus sociale idrico, a condizioni che l’indicatore ISEE rispetti le soglie sopra indicate.
Per gli utenti diretti (titolari di una fornitura per il servizio di acquedotto ad uso domestico residente), l’erogazione avviene in bolletta con l’ammontare annuo erogato pro-quota giorno. Ogni bolletta ricevuta per il periodo di validità dell’agevolazione indica, in un’apposita voce a credito dell’utente, la quota del bonus che viene erogata in proporzione al periodo cui la bolletta stessa fa riferimento.
Per gli utenti indiretti (che utilizzano nell’abitazione di residenza una fornitura per il servizio di acquedotto intestata ad un’utenza condominiale), l’erogazione avviene in un’unica soluzione.
Per richiedere il bonus occorre compilare l’apposito modulo e consegnarlo al proprio Comune di residenza o presso altro soggetto designato dal Comune stesso (Centri di Assistenza Fiscale).
La domanda di ammissione o di rinnovo al bonus è disponibile sui seguenti siti istituzionali:
https://www.acquedottobiviere.it/pdf/2019/Modulo_A_Bonus_Sociale.pdf
https://www.arera.it/allegati/consumatori/moduli/modulo_A.pdf
http://www.sgate.anci.it/sites/default/files/Modulo_A_1.pdf
Il bonus sociale idrico viene riconosciuto per 12 mesi e può sempre essere rinnovato, se sussistono ancora le condizioni per averne diritto.